Windows 10 renderà obbligatori gli aggiornamenti

Ragazzi… giuro che quando ho letto non ci volevo credere. :frowning: Non sapevo se postare questo topic su Dafuq did I just read? o su Se lo racconti non ti credono

Ma, alla fine, ho optato per News dal Mondo :weary:

In poche parole. gli aggiornamenti saranno TUTTI obbligatori (nessuno escluso). Togli il cavo di Rete per NON aggiornare? Il sistema operativo NON parte! :open_mouth:

Per chi avesse aggiornato da pochi giorni consiglio l’ottima guida redatta da @Dax, giusto per non ritrovarsi con un sistema opreativo arrogante e stramaledetto.

http://forum.adunanza.net/t/effettuare-il-downgrade-da-windows-10/6018

1 Like

Francamente non è una bella politica visto i casini che fanno, ma non la reputo una tragedia visto che linux si sfregia di piu’ sicurezza grazie al suo sistema di aggiornamento cotinuo stile ubuntu che alla fine diventa quasi obbligatorio per la maggioranza delle persone.

Esattamente. Molti sono preoccupati perché, se dovessero rilasciare aggiornamenti incompatibili con qualche tipo di hardware (e succede molto spesso) molte persone portebbero rischiare di trovarsi con schermo nero, o senza audio… o peggio, con vulnerabilità critiche senza poter metter mano.

questa condizione andrà accettata in fase d’installazione. In altre
parole, durante l’installazione di Windows 10 bisognerà attivare gli
aggiornamenti automatici, e poi non ci sarà modo di disabilitarli

Durante l’installazione di Win 10 non ho letto nessuna nota relativa agli aggiornamenti obbligatori, continuando a leggere l’articolo ho anche capito perchè:

Saranno esentati le aziende, le utenze business e in generale chi usa
una licenza Pro o Enterprise, che avranno tempo di testare gli
aggiornamenti prima di installarli.

Io ho la Pro…ma ho dei dubbi. Effettivamente non c’è la possibilità di bloccare gli aggiornamenti da Win Update in nessun modo e, anche andando su Pannello di Controllo (che ancora non capisco perchè sia stato “nascosto” nei meandri del sistema) scopri che Windows Update è sparito e rimane solo quello che si trova andando su Impostazioni.

Se ne è parlato per esempio su Reddit,
dove qualcuno consiglia di filtrare i server Microsoft tramite un
firewall, e sbloccarli solo quando si è disposti a installare gli
aggiornamenti, o modificare il file hosts. Sarebbe una soluzione solo
parziale, visto che è un filtro “tutto o niente” che non permette di selezionare quali aggiornamenti installare e quali tralasciare.

L’80% degli utenti Windows non sa nemmeno cos’è il file Host…figurati se sanno editarlo per escludere i server Microsoft. E c’è da dire che basta mettere tutte le reti come “reti a consumo” per poter evitare di aggiornare il sistema operativo (questa opzione ovviamente non l’hanno potuta segare onde evitare di far pagare fior di quattrini agli utenti).

In ogni caso non è ancora il momento di farsi prendere dal panico,
per diverse ragioni. Prima di tutto Microsoft potrebbe cambiare idea o
fornire ulteriori dettagli nelle prossime settimane; dopodiché nessuno
ci obbliga a installare Windows 10 fino a che la situazione non è del
tutto chiarita.

Dubito alquanto che torneranno sui loro passi.
Win 10 (finora) è un buon sistema operativo, molto più intuitivo di Win 8.1, ma, per farlo funzionare al meglio e sfruttare tutte le sue caratteristiche, devi dire addio a qualsiasi forma di privacy e già questo farà storcere il naso a molti.
Ma la direzione intrapresa da Microsoft era già intuibile da Win 8.

“Vuoi un OS che ti permette di usare Cortana e millemila altre funzioni (fighissime ed inutili allo stesso tempo)? Noi te lo diamo ma tu in cambio devi farci accedere non solo ai tuoi dati personali ma anche alle liste dei tuoi contatti…”

Per tornare in tema “Aggiornamenti automatici” chi si ricorda tutti i problemi creati dall’aggiornamento al Service Pack 1 di Win 7 che causò il crash di una valanga di sistemi operativi (tra cui il mio) risolvibile solo con la disistallazione del suddetto pacchetto?

Forse Microsoft ha la memoria corta…

io uso zorin con ubuntu 12.04 “sotto al cofano”, e per lavoro mac os.

ubuntu non lo aggiorno praticamente da più di un anno, perchè il mio sistema è estremamente stabile così.
ogni volta che aggiornavo dovevo poi smanettare su qualcosa che si incasinava, quindi sono ben felice di non avere l’obbligo degli aggiornamenti.

su mac invece ogni giorno è sempre peggio: uso un vecchio macbook con os 6.x ed è perfetto, o meglio era, per il fatto che ogni giorno che passa ci sono sempre meno software compatibili, e non ho più la possibilità di aggiornare nulla (safari, chrome…nulla). il casino maggiore è dunque la compatibilità dei browser ormai obsoleti con i vari siti internet (ad esempio l’home banking, o addirittura youtube).

l’altro mac, nuovissimo, ha ma os 10.10, ovvero yosemite, che è praticamente il windows vista dei mac. è un casino totale, pieno di bug, da dropbox fino ai software per il voip…ed ogni volta che ha fatto aggiornamenti ha solo incasinato di più le cose…quindi ho bloccato gli aggiornamenti automatici anche in questo.

se avessi l’obbligo di aggiornare chiuderei bottega in una settimana…non capisco questa politica microsoft, secondo me sarà un boomerang che porterà molti utenti a tornare a win7.

Se hanno escluso le versioni enterprise ha senso e non credo che ci saranno rivolte di sorta.
Chi lavora ha bisogno di stabilità e qualunque sia il sistema operativo gli aggiornamenti portano rogne. Quello che mi piace di mint è che va da una lts all’altra, ma per come sono fatto io non riesco a vivere sapendo che ci sono aggiornamenti in giro…
p.s. in ogni caso il mondo dell’informatica sta devolvendo invece che migliorando…

Questo è uno dei motivi che mi ha portato a decidere di non sfruttare la possibilità di averlo “gratis”, (che tanto gratis non è .. in pratica gli facciamo da beta tester a nostra insaputa.) oltre ad essere ancora troppo giovane ..

Gli aggiornamenti su windows sono stati sempre così affidabili, che guarda caso io li ho disattivati da tempo °-° e li faccio solo quando formatto, per avere l’immagine di partenza aggiornata.

Anche il mio fu soggetto al crash dell’ sp1 di 7 e successivi numerosi crash dovuti ad altri aggiornamenti .. E gli altri pc soggetti a crash pure con gli aggiornamenti di 8/8.1 .. ultimo il tablet che ha tentato di aggiornarsi a 10 ed invece si è piallato tutto e non riesce manco a ripristinarsi ._.

Gli aggiornamenti per me sono diventati l’orrore ._. se prima una cosa funzionava, dopo un aggiornamento devi pregare che ti si avvii ancora il sistema °-°

Quando sarà ora di aggiornare a 10, se la politica non sarà cambiata, mi orienterò alla versione pro, che avevo letto ha ancora la possibilità di disattivarli ._.

1 Like