Open Fiber e condomini


#1

#2

Risoluzione problemi legati a infrastrutture

  • L’amministratore ha detto di NO all’installazione del ROE e quindi alla predisposizione dell’FTTH; cosa posso fare?
    Presenta questo Decreto Legge e vedi se cambia idea:
    DECRETO CRESCITA 2.0 (DL 179/2012 conv. con LEGGE 221/2012)
    Art. 14
    Interventi per la diffusione delle tecnologie digitali
    4-bis. L’operatore di comunicazione durante la fase di sviluppo della rete in fibra ottica puo’, in ogni caso, accedere a tutte le parti comuni degli edifici al fine di installare, collegare e manutenere gli elementi di rete, cavi, fili, riparti, linee o simili apparati privi di ((emissioni elettromagnetiche a radiofrequenza.))
    Il diritto di accesso e’ consentito anche nel caso di edifici non abitati e di nuova costruzione. ((L’operatore di comunicazione ha l’obbligo, d’intesa con le proprieta’ condominiali, di ripristinare a proprie spese le parti comuni degli immobili oggetto di intervento nello stato precedente i lavori e si accolla gli oneri per la riparazione di eventuali danni arrecati ».))

http://canali.kataweb.it/kataweb-consumi/2016/11/03/fibra-ottica-per-installarla-loperatore-non-deve-chiedere-permesso-al-condominio/


#3

L’ accesso non è "automatico, basta leggere tutti i decreti in sequenza,come l’ articolo vorrebbe far credere!!
L’ amminstratore, ovvero i condomini, dicono no e l’operatore non può accedere!!
L’ operatore, così come il condominio, si rivolge all’Agcom e da qui parte una “querelle” che può durare anni!!


#4

Pazzesco, non capisco perchè amministratori e peggio ancora condòmini dovrebbero dire no.
La mamma dei co****ni è sempre :pregnant_woman:


#5

Gli amministratori dicono di no perchè sanno che in ogni palazzo c’è sempre un condomino che deve fare da bastian contrario e pianta casini inenarrabili…


#6

L’ amministratore non dice di no, lo dice in un primo tempo in maniera cautelativa, poi convoca un’ assemblea straordinaria e i condomini decidono!! L’amministratore segue le decisioni dei condomini che rappresenta, non dice no per partito preso!!
Il Dm cozza contro le regole del diritto inerenti la proprietà privata, anche se trattasi di “pubblico servizio” l’ accesso alle aree private non è automatico!!


#7

Comunque questo riguarda condomini o unità non serviti, nell’ oltre il 90% dei condomini si usano le canalizzazioni, Telecom o Enel, già presenti e che quindi hanno assunto una “servitù”!!