La sai l'Adultima...il seguito

Cambio del medico della mutua per una coppia matura.
Come da prassi il nuovo medico fa riempire un questionario distinto ai due coniugi in modo da poter avere un quadro preciso della loro situazione medica.
Poi intervista separatamente i due:
Caro signor Rossi, esordisce il medico, la sua anamnesi è buona ma tuttavia riscontro una discrepanza, vede qui alla casella “abitudini sessuali” lei ha scritto che fa l’amore 4 volte al mese.
Dottore, replica il sig. Rossi, io ho 50 anni e con tutto lo stress tra lavoro e vita familiare credo che farlo 4 volte al mese, in maniera soddisfacente, sia un bel record.
Certo, risponde il medico, ma il problema è che c’è una discrepanza con quanto dichiarato da sua moglie; vede, alla stessa domanda sua moglie ha risposto che lo fa 18 volte!!
Mi faccia leggere!! ah si…si…ma stia tranquillo che appena abbiamo finito di pagare il mutuo lo farà 4 volte come me!!

5 Likes

Un tizio si perde nella campagna cinese durante una tempesta finché trova una casa e chiede ospitalità.
Un vecchio cinese che gli apre gli dice:
“Onolevole stlaniero, io ti ospito pel la notte, ma se oselai toccale mia figlia ti sottopollò alle tellibili Tle Toltule Cinesi!”.
Il tizio accetta, ma appena vede la figlia, giovane e bella, ne rimane incantato e durante la notte va nella camera della donna e fanno l’amore.
Il giorno dopo il tizio si sveglia con un macigno sul petto, a cui è attaccato un messaggio:
“Tortura Cinese N. 1: Macigno sul petto”.
Con un sorriso di superiorità il tizio solleva il macigno e lo butta dalla finestra, ma appena lo ha lasciato andare vede un messaggio attaccato al davanzale:
“Tortura Cinese N. 2: Testicolo destro legato al macigno”.
Subito il tizio si lancia dalla finestra prima che la corda legata alla pietra gli strappi il testicolo. Mentre vola giu’ il tizio vede un messaggio scritto al suolo:
“Tortura cinese N. 3: Testicolo sinistro legato al davanzale”!!

2 Likes

Il passeggero di un taxi vuole fare una domanda all’autista e, per richiamare la sua attenzione, lo tocca su una spalla. Il tassista, al contatto, urla, perde il controllo della macchina, sfiora un autobus, sale sul marciapiede per fermarsi a pochi centimetri dalla vetrina di un negozio. Per un istante, nell’auto, tutto tace, poi l’autista si gira e, con voce alterata, dice: “Senti amico, non farlo mai più. Mi hai terrorizzato a morte!”. Il passeggero si guarda, stupito di essere ancora intero, e gli risponde: “Non pensavo che toccandola l’avrei spaventato così”. E l’autista: “Mi scusi, non è del tutto colpa sua. E’ che oggi è la mia prima giornata come tassista. Per venticinque anni ho guidato solo carri funebri”.

2 Likes